Salta al contenuto principale
storia

La nostra storia

Un'azienda familiare, tra tecnologia e tradizione

Quasi 60 anni di crescita e investimenti ci hanno permesso di diventare un gruppo leader a livello internazionale del settore fastener avanzato, pur mantenendo le caratteristiche dell'azienda familiare: relazioni umane, approccio personale e facilità di contatto diretto.

1961

La storia della Bontempi Vibo inizia nel 1961, quando Bruno Bontempi, dopo pochi anni di attività nel settore della viteria e delle mole abrasive prima come agente e poi come commerciante, stampa a caldo, il primo bullone marcato VIBO in una piccola officina a Berzo Inferiore (Bs).

'60

Durante gli anni ‘60 l’azienda si sviluppa nello stampaggio a caldo di viti, dadi e tiranti, distribuendo la propria produzione presso distributori anche stranieri -soprattutto in Svizzera e in Germania- mentre a Brescia veniva effettuata la distribuzione locale anche di prodotti commercializzati.

'70

Le cose belle

Durante gli anni ‘70 l’azienda si differenzia specializzandosi nello stampaggio a freddo e nel 1974 il deposito di Brescia si trasferisce nella sede di Via Cacciamali. Il mercato era costituito da distributori in tutto il mondo e da grossi utilizzatori, per servire i quali erano state costituite sedi commerciali in Francia, Inghilterra ed Olanda.

'80

Le cose belle

Gli anni ‘80 sono caratterizzati dalla costituzione della Vibo Sud presso lo stabilimento di Calabritto, che nel 1988 inizia la produzione di articoli di viteria complementari a quelli prodotti a Berzo. Nel frattempo viene completamente dismesso il reparto di stampaggio a caldo, essendo arrivati a stampare a freddo bulloni M27 x 220.

'90

Le cose belle

All’inizio degli anni ’90 Max Bontempi, dopo un periodo dedicato al reparto commerciale, assume la direzione generale dell’azienda, dedicandosi tra l’altro a disegnare una organizzazione aziendale di tipo manageriale ed a conseguire la prima certificazione del sistema di qualità.

2003

Le cose belle

Dal 2003 l’azienda, sempre di proprietà della famiglia Bontempi, è guidata da Raoul Bontempi.

2009

Le cose belle

Nel 2009 è stato inaugurato il polo logistico e commerciale di Rodengo Saiano, con un modernissimo magazzino automatico, terzo stabilimento di produzione con impianto di bonifica di elevata tecnologia e due nuove stampatrici per viti di dimensioni importanti, fino a M36 x 300.

2013

Le cose belle

Nel 2013 gli impianti di Berzo Inferiore vengono trasferiti nella sede di Rodengo Saiano; per VIBO si apre quindi una nuova era, che porta il processo produttivo all'apice in termini di qualità ed efficienza. Tutte le fasi produttive, dalla lavorazione della materia prima alla distribuzione del prodotto, si svolgono in un'unica grande sede.

2015

Le cose belle

Alla fine del 2015, grazie all’incontro con Marco Polato, la VIBO partecipa alla costituzione della FRAM, che si dedica alla produzione a caldo di particolari speciali e di viti fino alla misura M64 x 1000 ed alla produzione certificata di bulloneria strutturale a serraggio controllato.

2019

Le cose belle

Il gruppo nel 2019 produrrà 25.000 tonnellate di viteria -quasi un miliardo di pezzi- con circa 150 dipendenti e con un fatturato superiore ai 50 milioni di euro.

Choose Theme Colors
Predefined Color Skins